News

Il sindaco Brugnaro al convegno della Cisl sul centenario di Porto Marghera
Venezia, 30 maggio - Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha presenziato questa mattina al convegno “L'impegno sindacale della Cisl di Venezia a Porto Marghera nel centenario”, promosso dall'associazione sindacale al padiglione Antares del Vega
Il primo cittadino, in particolare, ha preso parte ad una tavola rotonda, con il presidente del Cnel, Tiziano Treu, il presidente della Confindustria di Venezia e Rovigo, Vincenzo Marinese, l'ex sindaco di Venezia, Paolo Costa, i docenti universitari Luigi Ruggiu e Paolo Gurisatti. in cui si sono ripercorse le vicende del Polo industriale ed un secolo di lotte sindacali ad esso connesse: uno sguardo sul passato, ma con l'obiettivo di analizzare il presente dell'area e, soprattutto, le sue prospettive future.
“Siamo qui oggi – ha osservato il sindaco – per raccontare cento anni di storia di Porto Marghera, lo sviluppo delle sue imprese, le lotte sindacali e politiche dei suoi lavoratori, il progresso sociale ed economico che ha portato a Venezia e al suo territorio, ma non certo per tesserne l'elogio funebre. L'area è infatti viva, solo il 10% dei suoi 220.000 ettari ad oggi non occupata, e il fatturato annuo prodotto è di circa 27 miliardi di euro.”
Brugnaro ha poi ricordato con un filo di commozione le lotte operaie del '68, da lui vissute, seppur con gli occhi di un bambino, in maniera intensa, seguendo da vicino le vicende del padre, dando merito al sindacato di avere da una parte tutelato gli interessi dei lavoratori (non solo dal punto di vista economico, ma anche rivendicando la sicurezza e la salubrità dei luoghi di lavoro) e dall'altra di aver isolato e alla fine contribuito a debellare la deriva terroristica.
“Oggi – ha poi concluso il sindaco di Venezia – dobbiamo però non dimenticare, e anzi fare tesoro, degli errori commessi in passato, perché non accadano più: questo vale per l'inquinamento, per il non rispetto delle persone, dei loro diritti, della loro salute. Per un rilancio definitivo dobbiamo ora completare l'opera di disinquinamento di alcune aree, riaprire le fabbriche, far tornare gli investitori, anche dall'estero. Le prospettive per crescere ci sono tutte, e se lavoreremo tutti insieme verso la stessa direzione, per far sentire anche ai livelli più alti, da Roma a Bruxelles, la nostra voce, potremo dare veramente un futuro ai nostri figli.” (fonte Ufficio Stampa Comune di Venezia)

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Prorogata fino al 3 giugno la mostra INDUSTRIAE. Attraverso Porto Marghera Centro Informativo Permanente presso il Padiglione Antares

La mostra INDUSTRIAE. Attraverso Porto Marghera, allestita presso il Padiglione Antares del VEGA, viene prorogata sino al 3 giugno p. v. osservando il seguente orario:
da Lunedì a Venerdì ore 8.00 - 14.00 ingresso libero
Sabato e Domenica ore 9.00 - 17.00 ingresso libero

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

La collaborazione con lo Iuav nell'ambito di "Follow Up! Venice shares Knowledge spaces", la nuova esposizione del Padiglione Venezia
 
Ri-articolare gli spazi del lavoro nel territorio di mezzo tra Mestre e Porto Marghera in una chiave di radicale trasformazione del lavoro e delle attività produttive: questo il contributo progettuale dell'Università Iuav alla realizzazione dell'esposizione "Follow up! Venice shares knowledge spaces", allestita al Padiglione Venezia dei Giardini della Biennale, in occasione della XVI Biennale di Architettura.

Approda quindi anche in questo contesto il tema del futuro della città industriale, così strategica per il destino di Venezia. Una trasformazione all'insegna dell'alto contenuto digitale e della profonda innovazione nel settore manifatturiero e della creatività dei settori coinvolti.
Una attività, coordinata dallo Iuav, che ha anche assunto la forma del concorso internazionale di progettazione urbanistica dal titolo Marghera City of Making, e che ha visto il coinvolgimento delle migliori scuole di architettura in Europa e nel mondo.

L'esposizione, presentata oggi nel corso di una conferenza stampa alla presenza del Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, mette al centro gli Open Big Data della città, grazie alla collaborazione con le principali Istituzioni che operano su questo patrimonio informativo, fondendo insieme ricerca e innovazione per raccontare la storia, il presente e il futuro della città nella sua dimensione metropolitana.Nuove idee per la realtà urbana d’acqua e di terra, che prenderanno la forma anche di un intenso programma di workshop, laboratori, incontri e conferenze adatti a ogni pubblico, in continuità con le attività e la recente riflessione sul centenario di Porto Marghera.
Nel Padiglione sarà poi possibile scaricare e riusare parti della immensa mole dei dati messi a disposizione dai partner aderenti e liberamente fruibili dai visitatori.La mostra resterà aperta dal 26 maggio al 25 novembre 2018.

http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/DSC_6875%5B1%5D.jpg

http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/DSC_6866%5B1%5D.jpg

 

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

 Concerto del Coro del Teatro La Fenice e recital di poesie dedicate a Porto Marghera

Presso il Capannone del Petrolchimico di Porto Marghera

Via Fratelli Bandiera – Marghera

Mercoledì 2 maggio ore 18

 Nel Capannone del Petrolchimico di Porto Marghera, luogo per eccellenza della storia del sindacalismo,  mercoledì 2 maggio alle ore 18, nell’ambito delle attività promosse dal Comitato per il Centenario di Porto Marghera, alla presenza del Presidente del Comitato Nazionale e Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, si terrà il Concerto del Coro del Teatro La Fenice e il recital di poesie dedicate a Porto Marghera.

 Il programma musicale alterna all’esecuzione di alcuni intensi brani corali del repertorio verdiano la lettura di versi dei ‘poeti di fabbrica’ Attilio Zanichelli, Fabio Franzin e Ferruccio Brugnaro, quella poesia operaia, cioè, capace di ‘rappresentare’ in tutta la sua forza la dignità del lavoratore che, seppur travolto dall’ingranaggio oppressivo e totalizzante dell’industria, tra rassegnazione, rabbia e speranza, non smette di sognare un mondo migliore.

Celebri sono le pagine corali che saranno interpretate dal Coro del Teatro La Fenice, istruito da Claudio Marino Moretti e accompagnato al pianoforte a quattro mani da Ulisse Trabacchin e Alberto Boischio: «Gli arredi festivi» da Nabucco, «O Signore dal tetto natio» dai Lombardi alla prima crociata, il brindisi e «Si ridesti il Leon di Castiglia» da Ernani, il coro delle streghe «Ondine e Silfidi» e «Patria oppressa» da Macbeth, «Chi del gitano» dal Trovatore, il coro di zingarelle e dei mattadori dalla Traviata, la scena della vestizione «Il santo nome... La Vergine degli Angeli» dalla Forza del destino e, in chiusura, le pagine più attese: «Va’ pensiero sull’ali dorate» da Nabucco e il festoso brindisi della Traviata. Il soprano Andrea Lia Rigotti, il tenore Dionigi D’Ostuni e il basso Antonio Casagrande interpreteranno le parti solistiche.

A recitare le poesie Città addormentata di Attilio Zanichelli, Marta di Fabio Franzin, L’altro giorno l’ho sorpreso e Non racconteremo mai abbastanza di Ferruccio Brugnaro, che si inframmezzeranno al programma musicale, sarà la voce dell’attore Karl-Heinz Macek.

 L’ingresso è riservato ai possessori d’invito.

Data l'eccezionalità dell'evento, il Comitato Nazionale ha reso disponibile 50 inviti per la cittadinanza che potranno essere ritirati, sabato 28 aprile dalle ore 10 alle 16 ed eventualmente domenica 29 sempre dalle ore 10 alle ore 16,  presso il desk della mostra INDUSTRIAE  all’interno del Padiglione Antares di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia. Ogni persona potrà ritirare al massimo 2 inviti lasciando il proprio nome cognome indirizzo e recapito telefonico ed estremi di un documento d’identità. I biglietti verranno consegnati fino ad esaurimento posti.

Si ringrazia Syndial e le organizzazioni sindacali

Il Capannone del Petrolchimico ___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Chiusura mostra "INDUSTRIAE" per festività pasquali
Si informa che la mostra "INDUSTRIAE" presso il Padiglione Antares, al Vega Parco Scientifico e Tecnologio, resterà chiusa nei giorni di Pasqua, domenica 1 aprile, e di lunedì dell’Angelo.

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ 

Al Molo di Venezia fino al 27 aprile una mostra fotografica a cura dell’associazione “Marghera fotografia”. L’inaugurazione alla presenza del sindaco Brugnaro
“Sono qui per sottolineare a nome del Comune l’interesse forte su Porto Marghera, che troppo spesso è stata dimenticata. E’ una storia di 100 anni, in cui sono avvenute molte trasformazioni e su cui va riaccesa l’attenzione”.
Con queste parole il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha inaugurato mercoledì 7 marzo al Molo di Venezia, in via dell’Elettricità 8, la mostra fotografica, a cura dell'associazione culturale “Marghera fotografia”, dedicata al centenario di Porto Marghera.
All'appuntamento sono intervenuti l'assessore comunale allo Sviluppo economico, Simone Venturini, il presidente della Municipalità di Marghera, Gianfranco Bettin, Riccardo Caldura, docente dell'università Iuav di Venezia, e il presidente dell'associazione che ha curato l'evento, Paolo Croci.
“A Marghera abbiamo fatto la storia dell’industria italiana – ha continuato il primo cittadino. Adesso bisogna avere coraggio e ripartire anche attraverso la cultura. Vado fiero di qualsiasi iniziativa serva a ricordare che Porto Marghera esisteva, esiste ed esisterà. In questa grande area industriale lavoravano migliaia di persone. I posti di lavoro non si creano a parole, ma realizzando le condizioni per nuovi investimenti, con le bonifiche e facendo ripartire le imprese private. Ringrazio gli autori di questi scatti per aver contribuito con la loro arte a ricordare l’importanza di Porto Marghera”.
Novantanove le fotografie esposte, di cui metà inedite, che illustrano le trasformazioni e il continuo rinnovamento dell’area industriale, scattate da Antonsilvio Barbini, Cristiano Corte, Paolo Croci, Mario Favaretto, Piero Giantin, Luca Salin.
“Gli scatti documentano impianti secolari, mura, ciminiere, rotaie, carriponte, i segni del passato – si legge nella presentazione - ma anche il lavoro che, industrioso, muta di forma e di contenuto e si perpetua nonostante tutto”.
L'esposizione resterà aperta fino al 27 aprile 2018, ad ingresso libero, in orario di pubblico servizio.

(fonte testo e foto Ufficio Stampa Comune di Venezia)

http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/Marghera%20foto%20p.jpg

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Il Comune di Venezia aderisce alla campagna "M'illumino di meno" spegnendo, per una notte, i suoi "simboli"
Il Comune di Venezia anche quest’anno aderisce alla campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e sulla mobilità sostenibile "M'illumino di Meno" che si terrà il 23 febbraio prossimo giorno in cui, simbolicamente, verrà festeggiato il "compleanno" del Protocollo di Kyoto. L’iniziativa, giunta alla sua 14. edizione è stata ideata da Caterpillar, storico programma radiofonico in onda su Radio2.
Dalle ore 18 di venerdì 23 febbraio resteranno al buio, compatibilmente con questioni di sicurezza, Piazza San Marco, Piazza Ferretto, i palazzi istituzionali dell’Amministrazione comunale come Ca’ Farsetti, Ca’ Loredan e la sede del Municipio di Mestre in Via Palazzo e le installazioni luminose create a Marghera per ricordare il centenario della sua fondazione: i serbatoi delle bioraffinerie Eni, il ponte Bossi, la torre dell’acquedotto e il faro Ramses II.
All'iniziativa aderisce, anche quest’anno, la Fondazione Musei Civici di Venezia spegnendo le luci di 7 sedi museali (Palazzo Ducale, Museo Correr, Casa Goldoni, Ca’ Rezzonico – Museo del settecento Veneziano e Museo di Storia Naturale e Ca’ Pesaro- Galleria Internazionale d’Arte Moderna).

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

15 gennaio 2018 - Luci e colori a Porto Marghera: oggi acceso il Faro “Ramses II”
Un fascio di luce, alto 12.000 metri, visibile su tutto il territorio del Veneto, illumina da questa sera il cielo di Porto Marghera. Una sorta di moderna stella cometa, che vuole ricordare, e indicare, a tutti, che il futuro del nostro territorio è legato indissolubilmente  alla rinascita dell'area industriale veneziana.
Ad accendere per la prima volta il fascio di luce di 72.000 watt, che è stato chiamato Ramses II, ed è ospitato all'interno dello stabilimento Cereal Docks, è stato, questa sera, il presidente del Comitato per il Centenario di Porto Marghera e sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro. Presenti alla cerimonia, con gli assessori Colle, Mar, D'Este, Venturini, Boraso e De Martin, tra gli altri, il prefetto di Venezia, Carlo Boffi, il presidente dell'Assindustria di Venezia, Vincenzo Marinese, la direttrice della Fondazione musei civici, Gabriella Belli, il direttore della bio raffineria Eni di Porto Marghera, Antonio De Roma, il presidente di Cereal Docks, Mauro Fanin, e il poeta operaio Ferruccio Brugnaro, che ha declamato i versi di una sua poesia dedicata all'evento. Presente inoltre, per allietare la cerimonia, la banda musicale di Tessera.
“E' un'altra delle iniziative – ha ricordato il sindaco – attuate nell'ambito delle celebrazioni del Centenario di Porto Marghera. Un modo per ricordare a tutti, in tutto il Veneto, che il futuro nostro e dei nostri figli, è legato a questa area. Dobbiamo mettere da parte le polemiche e “fare squadra” per attuare il rilancio definitivo di Porto Marghera: dobbiamo rendere attrattivo per gli imprenditori tornare ad investire qui, come è successo per la Cereal Docks, che ha investito pochi anni fa per il rilancio dello stabilimento oltre 60 milioni di euro. Le nostre parole d'ordine devono essere 'fiducia' e 'competenza'.”
Il fascio di luce resterà acceso sino alla fine di marzo.

(fonte: Ufficio Stampa Comune di Venezia)

Dichiarazione di Mauro Fanin, Presidente Cereal Docks Spa

http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/100%20anni%20di%20Porto%20Marghera.pdf

Dichiarazione di Gabriella Belli, Direttore Fondazione Musei Civici Venezia

http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/CMS%20Illuminare%20Marghera.pdf

Dichiarazione di Spacecannon SNe

http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/Comunicato%20Stampa.pdf

Rassegna Stampa
http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/RassegnaStampa16_01_2018_0.pdf

 

 _____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

8 gennaio 2018 - Illuminazione artistica a Porto Marghera: da stasera accensione dei serbatoi, del Ponte Bossi e della torre dell'acquedotto.
Brugnaro: “Celebriamo la contemporaneità dell'area industriale”
Dopo la mostra di arte allestita a Palazzo Ducale dedicata alle materie prime che venivano lavorate nel polo industriale e il concerto della Fenice sul Centenario, la contemporaneità di Porto Marghera, da questa sera alle ore 18.00, vive di un ulteriore passaggio significativo: l'illuminazione artistica dei serbatoi delle bioraffineria Eni, del ponte Bossi, infrastruttura per il trasporto dei prodotti degli impianti di Versalis (Eni), e della torre dell'acquedotto di Marghera.
Il progetto, curato dall'architetto Trazzi e sostenuto, oltre che da Eni, anche dalla Fondazione Musei Civici, usa la luce e il colore, come metafore della vita, per influire sulla percezione architettonica degli spazi industriali ed accentuarne il significato simbolico.
Dal punto di vista tecnico, l'illuminazione è effettuata attraverso degli spot “Focus” con lampade ad alogenuri metallici di potenza variabile fino a 1.200 W ciascuno, con un sistema dicroico di cambio colore e delle strisce led cangianti.
Si vestono così le varie strutture con più sfumature di colore a declinare tutte le cromie dello spettro luminoso, con un richiamo particolare al tricolore nei serbatoi della bioraffineria Eni.
Il progetto illuminotecnico è stato realizzato da Space Cannon SNe, azienda italiana leader del settore, che ha dato luce ai giochi olimpici di Torino 2006 e alle torri luminose delle cerimonie di anniversario dell'11 settembre a New York.
“Abbiamo oggi il privilegio di illuminare i prossimi 100 anni di Marghera e di tutta la Città metropolitana - spiega il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro - e lo faremo attraverso una solida politica di rilancio industriale che la nostra Amministrazione sta promuovendo, sostenendo le realtà già presenti e favorendo l'attrazione di nuovi investimenti. Ho sempre sostenuto che il futuro di Venezia passi attraverso lo sviluppo di Porto Marghera: le installazioni di luce sono un segno della fiducia che la città ha nelle proprie risorse e un esempio tangibile della volontà di rilanciarsi. I serbatoi, il ponte Bossi e la torre dell'acquedotto di Marghera sono ricordi della grande storia di uno dei più importanti poli industriali europei: la luce li spoglia delle proprie funzioni tecniche e li riveste di una nuova vocazione estetica ed emozionale per cui voglio ringraziare quanti si sono prodigati alla realizzazione di queste installazioni, molto complicate dal punto di vista tecnologico, e le aziende che le hanno ospitate, in particolare Eni, partner unico del Centenario, Veritas e Cereal Docks, Fondazione Muve e Space Cannon Sne”.
Lunedì prossimo, 15 gennaio, alle ore 18.30 si svolgerà la cerimonia pubblica di accensione di Ramses II, faro allo xenon della potenza 72.000 watt, gentilmente ospitato da Cereal Docks. Si tratta della più potente apparecchiatura di illuminazione a testa mobile del mondo, che solcherà il cielo con una lama di luce, simbolo contemporaneo della centralità di Porto Marghera.

 http://www.portomarghera100.it/sites/default/files/RassegnaStampaComunediVe09_01_2018_0.pdf

 

Ascoltare l’industria. Sound art per il centenario di Porto Marghera
All'interno dell'esposizione “INDUSTRIÆ”, allestito presso il Padiglione Antares (VEGA), a corredo dei pannelli esplicativi, di materiali tecnici e montaggi video, l’intervento installativo di Enrico Coniglio e Nicola Di Croce esplora le sorgenti sonore che permeano le diverse parti del complesso industriale di Porto Marghera, siano siano esse frutto dell’azione umana o dei macchinari in funzione.
Collaboratori di lunga data in territorio veneto e nazionale con il progetto Tavoloparlante, innovativa proposta di performance para-musicale collettiva e partecipativa, i due sound artist hanno raccolto registrazioni, poi mixate con materiali audio d’archivio, creando un dialogo fruttuoso tra l’arte del field recording e la memoria storica di un sito ricco di racconti, di conquiste e di cambiamenti.

Leggi l'articolo sul blog Spazio-Concept

 

27 ottobre 2017 - Teatro La Fenice Concorso per 80 inviti al concerto per il centenario di Porto Marghera

 

Il Comune di Venezia, Venezia Unica e il Teatro La Fenice mettono in palio 80 inviti validi per due persone per assistere al concerto inaugurale che si tiene venerdì 3 novembre alle ore 20.00 nell'ambito delle manifestazioni per il Centenario di Porto Marghera. Per partecipare, bisogna compilare il modulo relativo. Scadenza ore 9.00 del 31 ottobre 2017.Le estrazioni degli  80 vincitori avranno luogo martedì 31 ottobre a chiusura delle iscrizioni, con un sistema di estrazione elettronica casuale (a cura di Venis SpA). I vincitori riceveranno contestualmente mail di conferma e modalità di ritiro degli inviti.

 


 

15 ottobre 2017 - Tracce. Porto Marghera entra in città grazie alle immagini fotografiche di Giorgio Bombieri

Porto Marghera esce dai propri confini per entrare in città, in occasione del centenario. 60 immagini fotografiche di grandi dimensioni, realizzate negli ultimi dodici mesi dal fotografo veneziano Giorgio Bombieri, “arredano” le strade principali della terraferma veneziana introducendo i passanti – a piedi, in auto o a bordo dei mezzi pubblici – all’interno della realtà industriale, commerciale e portuale di Porto Marghera.
Una esposizione open air che utilizza spazi solitamente dedicati alla comunicazione pubblicitaria per portare i cittadini all’interno di aree spesso inaccessibili. Il lavoro di documentazione di Giorgio Bombieri permette quindi di vedere “dentro” Porto Marghera dove lavorano quotidianamente migliaia di persone e sono attive centinaia di imprese nei più svariati settori. Grazie a queste immagini di grande formato, affisse lungo le principali arterie di traffico autostradale, è oggi possibile entrare nei suoi 2.000 ettari di estensione, tra moli, impianti, chilometri di strade e di ferrovie, e canali marittimi che danno vita ad una complessità urbanistica di fascino straordinario.
Sino al 15 novembre 2017 e poi ancora in primavera, tra aprile e maggio 2018, si avvicenderanno 60 immagini 6mx3m collocate in diverse aree urbane, di grande passaggio. Naturale appendice di Tracce sono la pellicolatura con le immagini fotografiche di Bombieri sui mezzi Actv (bus e vaporetto di linea).

 

 

 

 

  


13 ottobre 2017 - Inaugurata la mostra INDUSTRIAE. Attraverso Porto Marghera Centro Informativo Permanente al Padiglione Antares


Con gli interventi, moderati da Fabrizio D'Oria, tesoriere e componente della Segreteria Tecnica, di Amerigo Restucci, Coordinatore scientifico Segreteria Tecnica, Nicola Pavan in rappresentanza del team di curatori del Padiglione, Luca Meneghin, Direttore Versalis in rappresentanza di ENI, Pino Musolino, Presidente Autorità Portuale, conclusi da Luigi Brugnaro, Presidente Comitato e Sindaco di Venezia, si è inaugurata oggi la mostra INDUSTRIAE. Attraverso Porto Marghera Centro Informativo Permanente, presso il Padiglione Antares, al VEGA. La mostra apre al pubblico a partire da domani 14 ottobre, ad ingresso gratuito. 

Sono stati,inoltre, presentati gli Itinerari educativi e l'esposizione open air Tracce.

 

 


25 luglio 2017 – Conferenza stampa sulle celebrazioni per il centenario di Porto Marghera

  Conferenza stampa: intervento del sindaco di Venezia Luigi Brugnaro

“Porto Marghera è una parte sostanziale della mia vita e credo che molte persone debbano qualcosa, direttamente o indirettamente, a Porto Marghera”. Così il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha aperto la conferenza stampa sulle celebrazioni per il centenario di Porto Marghera che si è svolta questa mattina al Municipio di Mestre. Sono intervenuti, tra gli altri, lo Chief Refining & Marketing Officer di Eni, Giuseppe Ricci, la direttrice dei Musei Civici, Gabriella Belli, il direttore artistico de La Fenice, Fortunato Ortombina, il coordinatore scientifico del Comitato per il centenario, Amerigo Restucci, e il tesoriere Fabrizio D’Oria.

Il sindaco, nonché presidente del Comitato nazionale per il centenario di Porto Marghera, ha sottolineato l’importanza dell’area industriale, nata nel 1917: “Dobbiamo parlare dei 100 anni di Porto Marghera – ha proseguito il primo cittadino – ma anche guardare ad una prospettiva futura. Qui si poteva trovare manodopera a buon prezzo e qui, con il tempo, si è creata la mentalità industriale e si è sviluppato uno dei più grandi poli industriali europei. Dobbiamo avere grande rispetto quando parliamo di Porto Marghera, anche per chi non c’è più e per le grandi conquiste sociali che qui sono avvenute. Abbiamo oggi l’occasione di guardare al futuro e al rilancio di Marghera e di tutta la Città metropolitana, grazie alle iniziative messe in campo da questo progetto e a una politica di rilancio industriale. Per farlo dobbiamo partire dal porto e risolvere la questione della bocca di porto di Malamocco: non possiamo fare a meno del porto e delle navi mercantili, se vogliamo che arrivino gli investimenti”.

A questo proposito il sindaco Brugnaro ha ricordato la riapertura della Pilkington e il ruolo che ha avuto e continua ad avere Eni a Porto Marghera, che sarà anche partner unico del programma di tutte le iniziative, che si svolgeranno nel territorio tra l'autunno 2017 e la primavera 2018. Ricci ha sottolineato come la presenza di Eni a Porto Marghera risalga quasi alle origini del polo industriale e come ora, con la bioraffineria, l’industria abbia continuato ad investire e crescere, salvaguardando l’ambiente e le professionalità.

Da settembre 2017 a giugno 2018 sarà dunque il periodo più ricco di avvenimenti in cui si alterneranno eventi, esposizioni, convegni, seminari, itinerari didattici educativi. Sarà inoltre allestito un centro informativo permanente al Padiglione Antares del Vega, una guida alle fonti e ci saranno numerose iniziative di comunicazione. Un percorso in costruzione, aperto al contributo di cittadini e associazioni che vorranno contribuire con idee, progetti e proposte attraverso il form attivo sul sito internet www.portomarghera100.it

Il primo grande appuntamento sarà una mostra di arte contemporanea pensata per le giovani generazioni allestita a Palazzo Ducale. “Abbiamo deciso di dedicare ogni stanza della mostra ad un elemento – ha spiegato la direttrice Belli – partendo dalle materie prime che venivano lavorate nel polo industriale: l'acqua, il carbone, il ferro, il petrolio, le fibre, il vetro, che saranno abbinati a interventi di artisti contemporanei”.

Conferenza stampa 25 luglio 2017

Anche la musica sarà uno dei protagonisti delle celebrazioni: il 3 novembre infatti l'inaugurazione della stagione sinfonica del Teatro La Fenice, come ha spiegato il direttore Ortombina, si aprirà con un concerto dedicato al centenario di Porto Marghera, con un programma vario di autori contemporanei e storici quali Fabio Vacchi (su testi dei 'poeti di fabbrica'), Pino Donaggio, Giuseppe Verdi, Antonín Dvořák.

La piattaforma che si sta costruendo sotto l'egida del Comune – ha concluso il coordinatore scientifico Restucci – vuole essere aperta, con l'obiettivo di costruire gli eventi e darne una successione. “Ricordiamo cento anni di storia, fatti di presenza industriale, di socialità, di lavoro, raccontati con una serie di iniziative. L'obiettivo è anche dare corpo a un progetto territoriale e interrogarsi sulla Porto Marghera futura, tema che sarà affrontato in uno dei tre convegni in programma.

 


 9 maggio 2017 – Incontro del Comitato Nazionale per il Centenario di Porto Marghera

Presso la sede di Ca' Farsetti a Venezia nella Sala Giunta Grande il giorno 9 maggio 2017 alle ore 11,00 si è riunito per la seconda volta il Comitato Nazionale per il Centenario di Porto Marghera: 'Porto Marghera 1917-2017 la città del lavoro e dell'industria' istituito con Decreto Ministeriale del 15 luglio 2016 ed integrato l' 8 agosto 2016.

Riunione del Comitato

In tale riunione il Presidente Luigi Brugnaro con il supporto della Segreteria Tecnica ha presentato e condiviso il documento che anticipa i contenuti delle iniziative

 

Allegato: 

Comitato per il centenario di Porto MargheraComune di VeneziaMinistero dei beni e delle attività culturali e del turismo#portomarghera100Partner unico: Eni SpA

Twitter Instagram Facebook